Il percorso

La raccolta nasce dall'esigenza di ricostruire e promuovere la conoscenza della storia artistica della regione. Espone opere di  pittori nati in Calabria, da Pietro Negroni a Mattia Preti a Umberto Boccioni e, in considerazione della storica dipendenza della Calabria da Napoli, di artisti napoletani che hanno influenzato gli esiti della pittura locale.

Il percorso inizia con opere risalenti alla cultura tardo rinascimentale, in particolare i dipinti su tavola raffiguranti La Madonna in adorazione del Bambino e incoronata da angeli di Marco Cardisco, interessante artista calabrese operoso a Napoli, La Sacra Famiglia con San Giovannino e L'Assunzione della Vergine , di Pietro Negroni, personalità rilevante del Manierismo.

Il Seicento è documentato da un nucleo consistente di opere di Mattia Preti, personalità tra le più illustri e significative del secolo.

La quadreria pretiana illustra l' intero percorso artistico dell' artista e si è arricchita, di recente, del dipinto raffigurante Cristo crocifisso tra i santi Bruno e Francesco d' Assisi , opera di alto potere evocativo e straordinaria carica espressiva.

Ancora per il Seicento, ad attestare la diffusione del naturalismo napoletano, le tele di  Andrea Vaccaro, Pacecco De Rosa, Jusepe de Ribera e le tante  opere del napoletano Luca Giordano, pittore di grande fama e vero maestro per i pittori calabresi del Sei e Settecento. Di Luca Giordano interessanti i dipinti Veduta con rovine classiche e figureJezabel divorata dai cani , opere di imponenti dimensioni e di eccellenti qualità stilistiche.

Di particolare rilievo i dipinti Pasce oves meas di Giovan Battista Gaulli, detto il Baciccio, Lot e le figlie di Massimo Stanzione e Giacobbe e il suo gregge al truogolo di Pietro Novelli, opere provenienti da collezioni private del territorio.

Il Settecento è illustrato da dipinti di Paolo De Matteis, Francesco De Mura, Stefano Liguoro, Sebastiano Conca, Corrado Giaquinto.

Estremo interesse riveste la raccolta grafica di Umberto Boccioni composta da  sessantacinque opere tra disegni, pastelli colorati, acquerelli e incisioni, provenienti dalla prestigiosa collezione americana di Lydia Winston Malbin.

La Galleria espone, grazie ad un comodato con l' Arcidiocesi di Cosenza - Bisignano, la Stauroteca , preziosissima croce reliquiario, capolavoro dell'arte orafa della metà del XII secolo realizzata negli Opifici normanni di Palermo.

Galleria_05Galleria_04Galleria_03Galleria cellaGalleria_02Galleria_01Stauroteca_01