Ufficio Furti

Istruisce le pratiche relative a segnalazioni di furti di opere d’arte di proprietà pubblica e privata avvenuti nel territo¬rio regionale, in collaborazione con l'Arma dei Carabinieri, in particolare con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC), Nucleo di Cosenza.
Si attiva sulla base delle denunce trasmesse dai Comandi di Carabinieri e provvede alla compilazione della scheda "Eventi TPA - ICCD - CCTPA", che riporta i dati essenziali per l’individuazione del bene trafugato. La scheda va corredata di relativa documentazione fotografica e, qualora l’opera risulti inventariata, anche di copia della scheda di catalogo.
La scheda è trasmessa a tutti gli Enti interessati (Direzioni Regionali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenze, Uffici Esportazione, Dogane, Nuclei Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri, Musei e Gallerie d’arte, Albi e Associazioni d’antiquari). Le segnalazioni di furto di opere d’arte pervenute dal territorio nazionale o estero vengono archiviate o, su richiesta degli interessati, divulgate con le modalità consuete.
L’Ufficio Furti collabora con i Carabinieri Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e con la Guardia di Finanza, per quanto concerne verifiche inventariali e indagini di polizia giudiziaria inerenti ai furti o ai ritrovamenti di opere trafugate.
L’archivio dell’Ufficio Furti può essere consultato su richiesta a seguito di autorizzazione del Soprintendente.